MAUL! X VOGA | EXHIBITION

CRISTIAN RIZZUTI
Punti di Fuga | Vanishing Points

14 aprile - 5 maggio 2022
Opening 13 Aprile, 18:30

Vanishing-points_2019_img_original_2-2.png

Cristian Rizzuti, Vanishing Points, 2019

MAUL! x VOGA segna l’inizio della sinergia territoriale tra MAUL! e VOGA, che
vedrà le due realtà ospitarsi reciprocamente per eventi espositivi e performativi.


Per il primo passo di questa collaborazione MAUL! presenta Punti di fuga (Vanishing Points) di Cristian Rizzuti negli spazi di VOGA. Combinando sperimentazione robotica e riflessione geopolitica, il progetto si confronta con una delle maggiori urgenze del nostro tempo: la crisi migratoria che insanguina speranze, terre e mari di tutto il mondo. Sviluppato nel corso dell’ottava edizione di Con.divisione residenza, organizzata da Officina dell’Arte APS e tenutasi nel 2019 presso il Castello di Mola di Bari, Punti di fuga  è nato nasceva in frizione con la deriva xenofoba e anti-europeista di quei giorni, ma non ha perso di rilevanza oggi, anche alla luce delle conseguenze umanitarie imposte dall’improvvisa implosione degli equilibri europei in Ucraina.


Punti di fuga parte dalla raccolta di dati statistici relativi ai flussi migratori avvenuti nel corso del 2019 dall’Africa all’Europa, dal Sud al Nord del vecchio continente e su scala globale. Queste informazioni sono l’input che un braccio robotico utilizza per tracciare segni e colori su tre tele. In questo processo, numeri e statistiche si trasformano in linee, cerchi e punti che definiscono una cartografia apparentemente astratta ma mossa in realtà da simbolismi specifici. Ricorrendo a una macchina per testimoniare il movimento di corpi biologici, Punti di fuga sembra suggerire la necessità di meccanismi e prospettive sovrumane per riappropriarci del nostro presente. Sulle tele, il rosso indica i migranti che hanno perso la vita durante le loro traversate; le linee curve rappresentano gli spostamenti in barca; le linee rette si riferiscono alle mete percorse a piedi; i punti blu sono le città di passaggio. La composizione visiva così ottenuta è concepita da Rizzuti come partitura musicale e possibile punto di partenza per ulteriori azioni performative. Durante la performance conclusiva della residenza 2019, il trittico è stato infatti oggetto di rielaborazione musicale da parte di Michele Ciccimarra, Giovanni Cristino, Peter Hinz e Giuseppe Pascucci, e di interpretazione coreografica a opera delle danzatrici Maria Susca e Georgia Begbie.


Nell’autunno 2020, una versione digitale del progetto è stata inclusa nella mostra online Sbagliando si inventa. Gianni Rodari nel paese degli artisti, curata da Antonello Tolve, che ha inaugurato lo spazio virtuale della Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata. Questo ulteriore adattamento installativo di Punti di fuga negli spazi di VOGA è dunque il più recente, ma non ultimo, stadio di trasformazione del progetto. 

BIO

Cristian Rizzuti è un artista multimediale che lavora tra Barcellona e Roma. Laureato in Arti Visive e Multimediali, completa i suoi studi presso l'Università IUAV di Venezia con il M-IA Master specializzandosi nella creazione di ambienti immersivi e interattivi. Durante il suo percorso artistico, Cristian focalizza la sua ricerca sul ruolo della percezione umana e sulla relazione con gli spazi sinestetici, ispirandosi contemporaneamente alla scienza, alla matematica e alle arti digitali. Dopo aver presentato i suoi lavori presso musei ed eventi in Europa come il ZKM di Karlsruhe, il Sonar Festival di Barcellona e la Biennale di Venezia, attualmente ricopre il ruolo di docente e Physical Computing expert presso lo IAAC (Institute for Advanced Architecture of Catalonia).

FOTO RIZZUTI.jpg

Una collaborazione tra VOGA  e

Maul!, Il Castello Contemporane di Mola di Bari, è un progetto di

Logotipo_Nero.png
MAUL!_logo_nero.png
CONDIVISIONE_LOGO_nero.png